English French German Italian Japanese Portuguese Spanish

Home Rassegna Stampa

Rassegna stampa

TAGLI ALLA SPESA PUBBLICA. Lasciate lavorare il soldato Cottarelli

21 Novembre 2013

di Nicola Salvagnin

Il vero cambiamento lo deve fare non il commissario per la spending review, non Enrico Letta ma l’intera politica italiana, che deve imparare a servire e non a servirsi dello Stato e dei nostri soldi
 
altCe la farà il nostro eroe a tagliare una parte della spesa pubblica italiana, in particolare quella improduttiva o, peggio ancora, quella classificabile come spreco o “mangiatoia”?
 
Il nostro eroe - anzi di Enrico Letta che l’ha fortemente voluto come commissario alla spending review - è il prof. Carlo Cottarelli, un passato alla Banca d’Italia e al Fondo monetario internazionale che ne fa l’uomo giusto al posto giusto. Anche il metodo da lui adottato per togliere un po’ di panna superflua dalle nostre spese statali, sembra quello giusto. Non l’uomo solo al comando, come fu l’incarico che l’ex premier Monti diede all’economista Giavazzi e al manager Bondi per individuare e quindi applicare la scrematura. Tante belle parole, altrettante intenzioni, risultati zero.

Leggi tutto...

 

IRAQ. CRISTIANI A RISCHIO ESTINZIONE


A dieci anni dalla fine del regime, in Iraq meno della metà degli 800 mila cristiani sono rimasti in patria. E c’è chi pronostica la loro sparizione entro il 2020. «Il mondo chiude gli occhi, ma non possiamo restare in silenzio», dice Joseph Kassab, attivista in esilio.

 

Il muro sfondato di una chiesa in iraq

 

Cerco di difendere il più possibile i cristiani iracheni perseguitati, non solo perché lo sono stato io stesso, ma perché la fede in Cristo mi ha insegnato ad aiutare chi è nel bisogno». Si presenta così, raggiunto da Credere al telefono negli Stati Uniti, Joseph T. Kassab: 61 anni, medico di origine irachena, capo dei ricercatori di un’azienda americana di nanotecnologie, è una delle personalità della diaspora arabo-cristiana, in prima linea nella battaglia per il rispetto della libertà di religione e delle minoranze nei Paesi a maggioranza islamica.

Leggi tutto...

 

Il posto giusto per noi è quello vicino a Cristo che scende per servire. Così il Papa emerito nella Messa con i suoi ex-allievi

01/09/2013

altCi troviamo sulla via giusta se proviamo a diventare persone che “scendono” per servire e portare la gratuità di Dio. Così in sintesi il Papa emerito Benedetto XVI nella Messa celebrata stamani, alle 9.30, nella cappella del Governatorato in Vaticano, in occasione del tradizionale seminario estivo dei suoi ex-allievi, il cosiddetto Ratzinger Schülerkreis. L’incontro degli studenti come di consueto è organizzato a Castel Gandolfo ma quest’anno Benedetto XVI non vi ha partecipato. Questa 38.ma edizione è stata dedicata a “La questione di Dio sullo sfondo della secolarizzazione” alla luce della produzione filosofica e teologica di Rémi Brague, teorico francese premiato l'anno scorso con il "Premio Ratzinger" per la teologia. Una cinquantina di persone hanno partecipato alla Messa concelebrata con il Papa emerito dai cardinali Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani e Christoph Schönborn, arcivescovo di Vienna; gli arcivescovi Georg Gaenswein, prefetto della Casa Pontificia e Barthelemy Adoukonou, segretario del Pontificio Consiglio della Cultura, e il vescovo ausiliare di Amburgo, mons. Hans-Jochen Jaschke.

Leggi tutto...

 

P. Cantalamessa: Gesù non è un insieme di dogmi, è una persona vivente. Quarta predica di Quaresima

04-04-2014

alt

Chi è Gesù Cristo e come avere un’idea chiara di lui che supporti la fede: di questo ha parlato padre Raniero Cantalamessa nella sua quarta predica di Quaresima, ascoltata dal Papa e dalla Curia nella Cappella "Redemptoris Mater" del Palazzo Apostolico, in Vaticano. Il predicatore della Casa Pontificia ha sviluppato il tema seguendo gli insegnamenti di Leone Magno il cui pensiero cristologico è una pietra miliare nella Chiesa.

Leggi tutto...

 

I 19 nuovi cardinali, annunciati dal Papa

12/01/2014

altEcco le parole all'Angelus con le quali Papa Francesco ha annunciato la creazione di 19 nuovi cardinali:

Come è stato già annunciato, il prossimo 22 febbraio, festa della Cattedra di San Pietro, avrò la gioia di tenere un Concistoro, durante il quale nominerò 16 nuovi Cardinali, che, appartenenti a 12 Nazioni di ogni parte del mondo, rappresentano il profondo rapporto ecclesiale fra la Chiesa di Roma e le altre Chiese sparse per il mondo. Il giorno seguente presiederò una solenne concelebrazione con i nuovi Cardinali, mentre il 20 e 21 febbraio terrò un Concistoro con tutti i Cardinali per riflettere sul tema della famiglia.

Leggi tutto...

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Avanti > Fine >>
Pagina 4 di 338
Cerca nel sito
Visite
Oggi32
Questo Mese964
Totali (dal 15/01/2011)138637